I FIUMI

scrivono e suonano rock songs in cui con-fluiscono quattro temperamenti musicali tra i più inquieti e produttivi della scena italiana contemporanea.
Sarah Stride (voce e testi), Xabier Iriondo (chitarra elettrica), Andrea Lombardini (basso elettrico), Diego Galeri (batteria) offrono in “coro” lo scuotimento e la potenza di canzoni assertive e insieme lievi dove “non afferrare” e “fluire” sembrano l’unica via percorribile.
Dieci brani in cui la densa e necessaria narrazione melodico/poetica di Sarah trova forza, senza alcun momento di cedimento, nel poderoso sostegno del riffing post new wave-post rock di Lombardini e Galeri a cui controcantano, alternandosi tra pre-punk e noise-core, i celebri timbri di Iriondo.

Il primo disco de I FIUMI è un’opera di dirompente presenza sonora: quattro musicisti di chiara eccellenza ribadiscono lo stato di ottima salute in cui ha sempre versato la musica suonata restituendo pieno splendore alla “rock’n’roll band culture”.

Sarah Stride


è un’eclettica cantautrice italiana, attiva sulla scena indipendente con album, performance, live, video arte, colonne sonore, happening e piece teatrali, ricerca e pubblicazioni nell’ambito dell’Arte Terapia e collaborazioni sia dal vivo sia in studio con artisti italiani e internazionali tra cui Ivano Fossati, Howie B,
La Crus, Renato Garbo, Masbedo, Aldo Nove, e altri ancora. All’attivo tre album solisti amati e sostenuti
dalla critica di settore per l’imponenza, la particolarità e trasversalità della scrittura e dell’impronta vocale. Intensa l’attività live, che con diverse formazioni, l’ha portata a vincere il Premio nazionale Musica da Bere 2017, miglior esibizione live Musicultura 2019 e ad aprire numerosi concerti di artisti di fama internazionale (Morcheeba, Television, Rokia Traorè, Joan as Police Woman….).
Oltre all’Italiano, inglese e spagnolo canta in Giapponese, Ebraico, Portoghese e ha partecipato a numerosi dischi di ricerca avant-jazz.


Xabier Iriondo


è il deus-ex-machina di alcuni dei progetti musicali più avventurosi concepiti negli ultimi 20 anni in Italia. Chitarrista degli Afterhours nonchè manipolatore sonoro di progetti come Tasaday, A Short Apnea
ed Uncode Duello, nasce nel quartiere Isola a Milano all’alba degli anni settanta da padre basco e madre italiana. In questi ultimi tempi è coinvolto come chitarrista/manipolatore sonoro nei progetti Afterhours, Buñuel, Pleiadees. Ha realizzato più di cinquanta dischi negli ultimi trent’anni e suonato
dal vivo in Europa, Usa, Cina e Giappone.


Andrea Lombardini


specialista del basso elettrico in contesti creativi è particolarmente richiesto per la versatilità timbrica
e sensibilità in ogni genere musicale. Collabora con importanti artisti jazz, pop e rock italiani e internazionali tra cui David Binney, Ambrose Akinmusire, Jason Lindner, Donny McCaslin, Mark de Clive-
Lowe, Michel Godard, Gianluca Petrella, Roberto Cecchetto, Malika Ayane, Richard Julian. Tra i progetti da leader e co-leader sono degni di nota: Diminuendo, The Framers, Em4ncipation, poL0, Broken Band, rand-o-mania, Buñuel.


Diego Galeri


batterista in costante evoluzione alla ricerca di nuove contaminazioni nell’ambito della musica originale, si distingue per lo stile che miscela la musica rock con le più svariate influenze. Con i Timoria,
dal 1985 al 2003, pubblica 12 album, 1 EP e svariati singoli. Più recenti i progetti, di cui è co-leader e autore, Miura, Adam Carpet, Gentle Eyes In The Gloom con cui pubblica diversi ed eclettici album ed Eps. del10 è il suo progetto solista interamente dedicato alla musica elettronica con cui ha pubblicato 8 Eps.